(Lion Music)Docker's Guild - The Mystic Technocracy (Season I: The Age of Ignorance)

Copertina Eccoci al via dell’impresa di Douglas R. Docker, polistrumentista di origini francesi e americane che ha a lungo vissuto in Italia dove ha intrapreso una carriera di ricercatore in campo musicale oltre ad aver fondato la band Area 51; ha anche collaborato sulla scena internazionale con band come Biloxi o Rustfield. Adesso, dopo anni di lavoro, si circonda di un cast musicisti di spessore e dai nomi importanti (che vedete qui a fianco) e dà il via al suo progetto solista Docker’s Guild, incentrato sulla realizzazione di The Mystic Technocracy un’opera divisa in cinque stagioni. Il primo capitolo porta il nome Season 1: The Age of Ignorance.
La tecnocrazia mistica che ci viene presentata è una ricostruzione, realizzata su toni di fantascienza, delle origini della vita sulla Terra (vista nel nostro caso -in questa prima parte- come il frutto di un’ibridazione aliena e di manipolazioni del dna) e dell’indottrinamento della razza umana per meglio essere controllata. Il tutto attraversando le maggiori cosmogonie e teorie escatologiche di varie religioni. Nello sviluppo dell’album Docker si sofferma sul fatto che siamo potenzialmente tutti figli di un dio minore, qualunque esso sia, a sua volta ideato da un’indefinita razza aliena, il messaggio è proprio questo: perché continuare a scannarci per nulla? Ci tiene infatti a sottolineare che l’intento non è di realizzare un’opera che svaluti i diversi credi chiamati in causa, ma demonizzare l’ignoranza che spesso ne è derivata e ha portato a guerre fratricide indette in nome della religione. Ma io non lo considererei un sermone.

Lo stile è come avrete sicuramente intuito tipico della realizzazioni degli Ayreon di Arjen Lucassen e anche le ambizioni vanno chiaramente in questa direzione, a cominciare appunto dalle partecipazioni e dall’impostazione del progetto come concept a più episodi.
Che Docker sia un musicista e compositore di alto livello lo si nota subito, sin dalle prime battute della strumentale “A Matter of Energy”; l’orchestrazione è perfetta e ogni elemento è ben inserito e calzante con la base prog-rock costruita da tastiere e synth, questi ultimi più che prevalere fanno da collante in un concerto di suoni e voci. Si poteva però dar più respiro agli strumenti orchestrali coinvolti.
I vocalist che si alternano, o collaborano, al microfono inscenano una polifonia coinvolgente e ben legata, sottolineando anche l’aspetto per certi versi teatrale di questo componimento, mentre il songwriting è estremamente ricercato come si poteva ben sperare dall’ambiziosa dichiarazione di intenti.
Manifesto dell’opera è ovviamente “The Mystic Technocracy” che presenta anche dei riff un tantino più pesanti e un assolo più elaborato – cosa ripresa anche se solo in parte in “Judeo Christian Cosmogony”- costituendo l’uscita maggiormente orientata sul metal dell’intero disco e magari avrà voluto strizzarci l’occhio sulle sue prossime composizioni. La prima parte di “Norse Cosmogony” è di fatto un pezzo narrativo, costituito in gran parte da una declinazione di versi in lingua nordica sulla base di un pianoforte con lo scoppiettio di un fuoco come sottofondo: quando i dettagli fanno la differenza…
“The Secret of DNA (Part 1)” - "Purple Orb” - “The Secret of DNA (Part 2)” sono invece un terzetto che apparirà nella versione definitiva dell’album divisa in tre singoli pezzi differenti, mentre nella versione promozionale che ci è stata inviata costituiscono un’unica suite, sarebbe stato meglio lasciarla com’era per un risultato migliore. Ci troverete il suono di organi nonché qualche nota di una probabile versione space-prog dell’Ave Maria di Schubert (io gli avrei concesso almeno una trentina di secondi!).
Finale che esprime consapevolezza, sia nel testo che nella musica, con “Black Swans” e una produzione superba vanno ad aggiungere valore all’album.

Adesso, visto che ormai il paragone (pesante) era d’obbligo, la domanda da un milione di dollari… Sono stati al livello della squadra di Lucassen? Non del tutto, non ancora almeno, manca ancora quel tocco in più e un azzardo maggiore sull’inserimento di sonorità divergenti dalla struttura progressive, ma Docker è in corsia preferenziale e ha ingranato la marcia giusta.
Per quanto riguarda invece la domanda da venti euro, più o meno il prezzo del cd… E’ un disco da comprare? Correte a farlo vostro!

Modifica album


Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Aggiungi la tua opinione

Ultimi commenti dei lettori

Avatar Inserito il 28 dicembre 2012 alle 10.55

Ciao! vedo solo ora il tuo mex! Siamo a Luseran ormai da 4 anni. Ma chi sei?!? :)

Avatar Inserito il 19 giugno 2012 alle 14.50

mitico Douglas ...ma non abiti più a Pine vero?

Leggi la discussione completa

Genere: Prog Rock
Anno di uscita: 2012
Durata: 79 min.
Tracklist:

  1. A MATTER OF ENERGY
  2. THE MYSTIC TECHNOCRACY
  3. DARWIN'S TEARS
  4. NORSE COSMOGONY (PART 1)
  5. NORSE COSMOGONY (PART 2)
  6. JUDEO CHRISTIAN COSMOGONY
  7. THE DIVINE COMEDY
  8. LEGION OF ALIENS
  9. LOVING THE ALIEN
  10. THE GEM OF LOVE
  11. THE SECRET OF DNA (PART 1)
  12. PURPLE ORB
  13. THE SECRET OF DNA (PART 2)
  14. PROPHECY
  15. BLACK SWANS

Line up:

  • Douglas R Docker: Keyboards, lead vocals, backing vocals, spoken voice
  • Donald D. Docker: Alto and tenor sax, clarinet, spoken voice
  • John Payne: Lead & backing vocals
  • Göran Edman: Lead & backing vocals, spoken voice
  • Tony Mills: Lead & backing vocals
  • Amanda Somerville: Lead & backing vocals
  • Guthrie Govan: Guitars
  • Jeff Watson: Rhythm & lead guitar, 12-string guitar
  • Gregg Bissonette: Drums
  • Magnus Jacobson: Drums
  • Tony Franklin: Bass
  • Janthana Rodjakkhen: Additional spoken voice on "Darwin's Tears" & "Norse Cosmogony (Part 1)"
  • Silvana Momigliano: Additional spoken voice on "Norse Cosmogony (Part 1)"
  • Touria Nouri: Additional spoken voice on "Norse Cosmogony (Part 1)"
  • Andrea Rampa: Additional spoken voice on "Norse Cosmogony (Part 1)"
  • Davide Ronfetto: Additional spoken voice on "Norse Cosmogony (Part 1)"

Voto medio utenti: Nessun voto

8,5
Recensione a cura di
Salvatore Sanzio
In vendita su EMP
Copertina
24.99 € / Disco Blu-Ray
Copertina
12.99 € / CD
Copertina
14.99 € / CD (Digipak)
Copertina
Dello stesso genere
Copertina GOAD
Raomen: Spoon River Anthology Songs
(Mellow Records / 2004)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Rush
Vapor Trails
(Atlantic / 2002)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina The Tea Party
The Tea Party
(Eternal Discs / 1991)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Beardfish
Sleeping In Traffic: Part One
(Inside Out / 2007)
1 opinione
Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metalhammer.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.
Facebook Facebook YouTube YouTube Google+ Google+ Twitter Twitter
Aggiungi notizia Segnala notizia Aggiungi concerto Segnala concerto
Loading